Natale in Spagna
La magia della Lotería de Navidad

Ancora una volta Natale si sta avvicinando, anche se l’atmosfera che si respira quest’anno non è la solita a causa del Coronavirus.
Se però vuoi entrare appieno nello spirito natalizio, allora ti consiglio di dare un occhio a quello che succede in Spagna.

Tradizioni

La Spagna è da sempre un paese ricchissimo di tradizioni e molte di esse si legano indissolubilmente alla religione. Ovviamente anche il periodo di Natale coincide con una serie di eventi che hanno radici antichissime e che ormai fanno parte della cultura popolare spagnola.

Una di questi è senza ombra di dubbio la lotería de navidad, una lotteria nazionale con più di 200 anni di storia. La prima estrazione, avvenuta nella città di Cadice,  risale infatti al 18 dicembre 1812. Da quel momento non si è mai più fermata, divenendo oggi la seconda lotteria più longeva del mondo. Se pur con qualche difficoltà, ha continuato ad operare anche durante le guerre e gli anni della dittatura franchista.

La lotería de navidad ha 3 caratteristiche che la rendono unica nel suo genere:

I biglietti sono sicuramente tra i protagonisti della lotteria. Per questo motivo la prima cosa che bisogna fare è comprarne almeno uno per vedere aumentare le proprie possibilità di vittoria. In passato bisognava aspettare il lancio ufficiale di una serie di spot televisivi che di solito avveniva ai primi di dicembre. Con il passare del tempo, però, la lotteria è diventata sempre più popolare e ne ha di fatto aumentato la domanda. Per questo motivo, oggigiorno, è possibile comprare biglietti già a partire da luglio. Ad ogni modo, in qualsiasi momento lo si faccia, per la maggior parte degli spagnoli è una tradizione natalizia quasi obbligatoria.

Dove comprare i biglietti

I biglietti sono acquistabili ovunque, anche online, ma negli anni una tabaccheria in particolare è diventata un vero e proprio tempio per chi decide di partecipare alla lotteria: Doña Manolita a Madrid. Aperta dal 1904, questa tabaccheria deve gran parte della sua fama alla gran quantità di biglietti vincenti venduti negli anni soprattutto ai tanti studenti che frequentavano la vicina università. Se agli inizi la sua popolarità era solo circoscritta al quartiere dove si trovava anticamente, in breve la voce di tale successo si è espansa in tutto il paese e oggi è considerata meta di pellegrinaggio da molti intrepidi giocatori. Se anche tu sei uno di loro, allora preparati. La coda fuori è molto lunga! Oggi Doña Manolita si trova in Calle Carmen, 22, Madrid.

Il décimo

Quando ti appresti a sfidare la sorte, puoi decidere di comprare 10 biglietti di una serie o un décimo, cioè un solo biglietto di una serie, un decima parte appunto. Ogni biglietto costa €20, mentre una serie €200. Essendo quest’ultima opzione abbastanza cara, si è soliti comprare solo un décimo, decisamente più economico. In pieno spirito natalizio, è abitudine anche regalare biglietti ai propri familiari o amici, con la speranza che uno dei numeri vincenti tocchi proprio a loro.

Un’altra possibilità è quella di condividere il décimo. In questo caso si acquista una partecipación, dividendo così le spese del biglietto, ma anche il premio! Questo metodo è molto diffuso sopratutto tra i colleghi di lavoro.

Il primo premio

Tutti quelli che giocano aspirano al primo premio, detto gordo, cioè grasso. Il nome dovrebbe rendere abbastanza l’idea della consistenza del premio: €4 milioni! Davvero una bella somma. Esistono ovviamente anche altri premi a scalare, in grado di far felici molte altre persone. Per come è strutturata, la lotería de Navidad è considerata una delle più generose estrazioni a premi, poiché permette ad un numero molto ampio di giocatori di vincere qualcosa.

Molto più che un semplice biglietto

Una volta in possesso del biglietto è possibile notarne i dettagli che lo rendono davvero speciale. Uno di questi è la rappresentazione di opere artistiche sullo sfondo. Uno degli obiettivi, infatti, è quello di esaltare la ricca e incredibile cultura spagnola, infondendo anche un senso di unità e orgoglio nazionale tra tutti i cittadini. Il tema trattato è religioso e legato ovviamente al Natale.

Un ultimo particolare da osservare è relativo al colore del biglietto, che cambia ogni anno per evitare che sia simile a quello di altri sorteggi.

Menu